Terremoto

28 Dicembri du ‘908

‘E cincu e rutti i dda matina
quannu lu suli ancora durmia
arreti ad Asprumunti nivateddu
la terra si muviu cu scuncassu
avanti e arreti e poi suttasupra
comu na pezza chi ‘nto ventu vola
scassannu sta città e la vicina
Reggiu e Missina soru di lu strittu
scasaru ‘nterra c’un tronu bestiali
e poi u mari puru si mittiu
a cumplitari l’opira infirnali
ferri pitrami macerii e purvirazzu
lamenti e grida ad ogni cantunera
e tanti morti chi non pozzu diri
mai truvati sutta li li so casi
durmiva la città e li so genti
chi da lu sonnu alla morti trapassaru
e tanti chi scampati alla ruina
ammenzu ‘e casi rutti si truavaru
comu pigghiati di nu sturdimentu
isavunu li mani e l’occhi a lu firmamentu
comu pi diri a Diu… chi cumbinasti ?
Quali piccati fici sta Missina
chi scumpariu ‘nta sta mala matina
e poi li fiammi chi abbruciunu i palazzi
li casi e chiddu chi ristau
na manu nira poi sinni calau
comu a mucciari tanta malavista…
e poi quannu l’opira era finuta
li navi russi ‘nto strittu traseru
e li succursi pi primi purtaru…
ma ora chi parramu di sta storia
videmu sta città ricostruita
cu genti nova poi ripopulata
cu pocu amuri sempri guvirnata
senza travagghiu e senza primavera
li giuvini chi vannu sempri fora
luntanu senza spiranza i riturnari
mentri cu poti fari surdu pari
e soddi cunta senza ripusari…
pinsannu comu autri poi truvari…
ma surgi pigghia in manu a to’ bannera …
stinnardu anticu di lu Gran Mircì
rivota sta calmanza sciruccusa
chi lissa porta e genira apatia
ripigghia’nta li mani la to’ storia
ripensa in grandi e fai la facci dura
pi riturnari a essiri rigina
terra d’amuri travaggiu e libirtà.

antonio cattino 27 Dic.2011

Una scoperta interessante

Durante una delle tante ricognizioni sul territorio messinese, a cura del gruppo Festung Messina, nel 2003 nella zona collinare nord di Messina fu fatta una interessante scoperta, che ci riporta al tragico sisma del 1908.
Si tratta infatti di una struttura sepolcrale dedicata ad una  vittima del terremoto,  moglie di un facoltoso cittadino che volle ricordarla con tale manufatto, ornato di lapide esterna e una interna riportante  un bellissimo epitaffio firmato da Ettore Lombardo Pellegrino; distrutta dai soliti atti vandalici ma sapientemente ricomposta da una qualche “anima pia”.
E’ un scoperta interessante, praticamente sconosciuta, di certo importante testimonianza  del nostro passato, ma purtroppo ubicata in una realtà la quale,”sic stantibus rebus”, in merito ai Beni Culturali di ogni ordine e grado, di cui il nostro territorio è ricchissimo, nulla è capace di fare, al di la delle chiacchiere in pompa magna e delle costose quando sterili manifestazioni e pubblicazioni, lasciandosi sfuggire importanti occasioni di sviluppo economico attraverso lo sfruttamento sostenibile delle attività culturali, tramite le tante testimonianze tangibili che secoli e secoli di storia ci hanno lasciato.

Armando Donato M.