Filastrocche e Scioglilingua

VOCA VOCA

Nei primi melodiosi versi, ecco indicato un “luogo di delizie”, l’amantia (da identificare forse con amantea, in Calabria), che ospita creature di fiaba. La filastrocca si recitava per calmare il bambino un po’ agitato, facendolo dondolare, vagamente simulando i movimenti del vogare e dello sciare. e scuotendolo infine vivacemente scandendo “cicchitnnera, cicchitnnera”.

Voca voca sia,
annamu a l’Amantia,
a l’Amantia c’è i belli donni
chi giocunu a li culonni,
li culonni su di sita
e Nicola si marita,
si marita a menz’o ghianu
cu la figghia du capitanu,
u capitanu potta a bannera,
cicchitnnera, cicchitnnera.

Voga voga scia, / andiamo all’amantia, //
all’amantia stan le belle donne / che giocano alle
colonne, // le colonne son di seta / e nicola si marita,
// si marita in mezzo al piano / con la figlia del
capitano, // il capitano ha la bandiera, / cicchitnnera,
cicchitnnera.

Ghiovi ghiovi

Questi singolari versi, che i fanciulli cantilenavano quando cominciava a cadere la pioggia, per quanto inverosimili,
evocano momenti di vita paesana d’un tempo.
Quando i buoi avevano tanta parte nel lavoro dei campi, e si usava, specie nei paesi, impastare e infornare il pane in casa.

Ghiovi ghiovi ghiovi,
l’acqua di li boi,
li boi si maritaru,
non sacciu a cu pigghiaru,
pigghiaru a Maggarita
cu na coppula di sita.
Maggarita mpastava u pani,
tutti i muschi ci annaunu ddani,
e ci annaunu a centu a centu,
Maggarita ’n avia abbentu.

*tratto dal volume “Messina: Antropologia, Letteratura, Folklore”