Filastrocche e Scioglilingua

VOCA VOCA

Nei primi melodiosi versi, ecco indicato un “luogo di delizie”, l’amantia (da identificare forse con amantea, in Calabria), che ospita creature di fiaba. La filastrocca si recitava per calmare il bambino un po’ agitato, facendolo dondolare, vagamente simulando i movimenti del vogare e dello sciare. e scuotendolo infine vivacemente scandendo “cicchitnnera, cicchitnnera”.

Voca voca sia,
annamu a l’Amantia,
a l’Amantia c’è i belli donni
chi giocunu a li culonni,
li culonni su di sita
e Nicola si marita,
si marita a menz’o ghianu
cu la figghia du capitanu,
u capitanu potta a bannera,
cicchitnnera, cicchitnnera.

Voga voga scia, / andiamo all’amantia, //
all’amantia stan le belle donne / che giocano alle
colonne, // le colonne son di seta / e nicola si marita,
// si marita in mezzo al piano / con la figlia del
capitano, // il capitano ha la bandiera, / cicchitnnera,
cicchitnnera.

Ghiovi ghiovi

Questi singolari versi, che i fanciulli cantilenavano quando cominciava a cadere la pioggia, per quanto inverosimili,
evocano momenti di vita paesana d’un tempo.
Quando i buoi avevano tanta parte nel lavoro dei campi, e si usava, specie nei paesi, impastare e infornare il pane in casa.

Ghiovi ghiovi ghiovi,
l’acqua di li boi,
li boi si maritaru,
non sacciu a cu pigghiaru,
pigghiaru a Maggarita
cu na coppula di sita.
Maggarita mpastava u pani,
tutti i muschi ci annaunu ddani,
e ci annaunu a centu a centu,
Maggarita ’n avia abbentu.

*tratto dal volume “Messina: Antropologia, Letteratura, Folklore”

Na vota c’era un re

Filastrocca sui generis, con quel bizzarro intercalato biscottu e mané o manigghia o maneddu o manusu. Si snoda in una vera e propria storiella che vede appunto come protagonisti un re, una principessa capricciosa, un pennuto ed un bavuso fituso, e si appoggia pure su un abbastanza palese doppio senso. La difficoltà di dirla velocemente senza incepparsi ne fa una sorta di scioglilingua.

Na vota c’era un re, biscottu e mané.
Stu re, biscottu e mané, avia na figghia,
biscottu e manigghia.

Sta figghia, biscottu e manigghia, avia n’aceddu,
biscottu e maneddu.

St’aceddu, biscottu e maneddu,
ci scappau di mani a la figghia, biscottu e manigghia.

Lu re, biscottu e mané, dissi:
“A cu ci trova l’aceddu, biscottu e maneddu,
a me figghia, biscottu e manigghia,
ci a dugnu pi sposa.”

L’aceddu, biscottu e maneddu,
u truvau n bausu fitusu, biscottu e manusu.
“Vatinni bausu fitusu, biscottu e manusu,”
ci dissi lu re, biscottu e mané,
“non t’a dugnu pi sposa a me figghia,
biscottu e manigghia.”

“M’u pigghiu o bausu fitusu, biscottu e manusu,”
ci dissi la figghia, biscottu e manigghia,
“picchì u bausu fitusu, biscottu e manusu,
mi dugna l’aceddu, biscottu e maneddu.”*

*tratto dal libro “Messina: Antropologia, Letteratura, Folklore”

Pizzica pizzica

Questi versi cantilenati accompagnavano un ingenuo gioco infantile ad eliminazione, che consisteva appunto nel pizzicare a turno il dorso delle mani dei partecipanti, poste alternativamente l’una sull’altra, al ritmo della filastrocca.

Pizzica pizzica saracinu,
sutt’o lettu Sant’Antuninu,
c’era un jaddu chi cantava,
chi cantava cucchiricu’,
nesci fora chi non si tu.

Luna lunedda

Una invocazione alla luna, alla quale segue un’offerta a due santi tra i più popolari e quindi la citazione dell’improbabile figlia di uno di essi. Ma a parte il contenuto, quel che conta, al solito, è il ritmo, che certo non difetta in questa melodiosa, diffusa filastrocca.

Luna lunedda
fammi na cudduredda;
fammilla bedda ranni
ci la pottu a san Giuvanni;
san Giuvanni nun la voli,
ci la pottu a san Nicoli;
san Nicoli si la pigghia
pi l’amuri di so figghia;
so figghia è picciridda,
nn’a manciamu iò e idda.

Peti pitali

Disposti in cerchio o in fila, seduti con le gambe allungate, al declamare di questi versi venivano toccati, da chi dirigeva il gioco, uno dopo l’altro i ginocchi dei partecipanti.
Il concorrente il cui ginocchio veniva toccato per ultimo ritirava la gamba. Si ripetevano quindi la cantilena e la conta fino a far ritirare via via tutte le gambe meno una, che era quella del vincitore. Naturalmente gli eliminati dovevano “pagare un pegno” e per riaverlo erano tenuti a sottoporsi ad una “penitenza”.

Peti peti pitali,
annamu a Roma a ccumpagnari
la curuna di lu re.
Quantu fannu cincu e sei?
L’acqua, l’acqua a pallina
rumpi la cima,
cima cimanti,
ferru firranti,
Ciccu baruni,
nesci fora
e vatìnni tuni.