Regia nave Roma: ma quanto furono gli ordini e dettati da chi?

Come ogni sera dopo cena si guarda un po’ di TV e girovagando tra i vari canali, mi sono soffermato sulla trasmissione di Bruno Vespa perché colpito dalla presenza della gigantografia della corazzata Roma usata come sfondo dello studio televisivo
Intuendo che si sarebbe parlato della triste vicenda, decido di ascoltare la trasmissione nella speranza di conoscere ulteriori dettagli riguardanti il ritrovamento del relitto, grazie all’ausilio di un robot munito di telecamera.
Da appassionato di storia della seconda guerra mondiale e particolarmente sensibile ai fatti successivi l’8 settembre, non posso non provare una particolare emozione quando l’argomento è la R.N. Roma. Il mio pensiero va immediatamente a tutti quei marinai che riposano in fondo al mare all’interno di quella superba e bellissima Regina del mare, che purtroppo non ha conosciuto il battesimo del fuoco.
Il triste destino della corazzata inizia la sera dell’8 settembre, momento in cui viene comunicato da Supermarina che il giorno successivo si devono mollare gli ormeggi.
Successivamente l’Ammiraglio Bergamini viene informato della resa, cosa che lo manda su tutte le furie perché sa che da li a poco deve consegnare la flotta a colui che fino a qualche ora prima è stato il suo nemico. Si passa poi alla lettura dell’ultima missiva scritta dal Comandante Adone del Cima indirizzata alla madre la quale ha tutta l’aria di essere l’ultima. Così purtroppo sarà.
Nel corso della navigazione la Corazzata Roma viene colpita da due bombe “intelligenti” sganciate da aerei Germanici e nel giro di poche ore la nave affonda trascinando con se l’ammiraglio Bergamini ed oltre 1.300 uomini componenti l’equipaggio.
Volutamente non mi soffermo sui fatti e sulle vicende legati all’8 settembre 1943, ma credo che siano maturi i tempi per scrivere con onestà le vicende italiane legate alla partecipazione al secondo conflitto mondiale, senza alcun timore di essere tacciati di faziosità o revisionismo cosa che succede puntualmente ogni qual volta si apre l’argomento guerra. Ciò servirà anche e finalmente a realizzare quella pacificazione invocata da tutti ma voluta da pochi.

Sergio Cavacece

One comment

  1. Itrilli del fischietto da Nostromo salutano il 68mo anniversario dall’affondamento dell’ammiraglia della Regia Marina Italiana, la magnifica corazzata Roma. Le manifestazioni europee dedicate si svolgono venerdì 9 settembre 2011 a: Viareggio (Lucca) ore 19, presso il Circolo Nautico Versilia in Piazza Palombari dell’Artiglio, dove viene celebrato con un incontro aperto al pubblico il 68° Anniversario dell’affondamento della Regia Nave Roma. Introduce la conferenza il Presidente del Circolo Avv. Roberto Righi . Saranno presenti alcuni superstiti della Roma, il Contrammiraglio Florindo Cerri e il Duca Vittorio Catalano Gonzaga di Cirella , Presidente dell’Associazione Regia Nave Roma; a Barletta , ore 18, presso il monumento dedicato ai Caduti della Corazzata Roma, alla presenza di un picchetto d’onore dell’82° Reggimento Fanteria di Torino; a Mahon (Minorca, Baleari) presso il Mausoleo al cimitero cittadino ( http://www.regianaveroma.org ) spagnolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...