VOCA VOCA

Nei primi melodiosi versi, ecco indicato un “luogo di delizie”, l’amantia (da identificare forse con amantea, in Calabria), che ospita creature di fiaba. La filastrocca si recitava per calmare il bambino un po’ agitato, facendolo dondolare, vagamente simulando i movimenti del vogare e dello sciare. e scuotendolo infine vivacemente scandendo “cicchitnnera, cicchitnnera”.

Voca voca sia,
annamu a l’Amantia,
a l’Amantia c’è i belli donni
chi giocunu a li culonni,
li culonni su di sita
e Nicola si marita,
si marita a menz’o ghianu
cu la figghia du capitanu,
u capitanu potta a bannera,
cicchitnnera, cicchitnnera.

Voga voga scia, / andiamo all’amantia, //
all’amantia stan le belle donne / che giocano alle
colonne, // le colonne son di seta / e nicola si marita,
// si marita in mezzo al piano / con la figlia del
capitano, // il capitano ha la bandiera, / cicchitnnera,
cicchitnnera.

3 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...