Giorno: agosto 25, 2011

Na vota c’era un re

Filastrocca sui generis, con quel bizzarro intercalato biscottu e mané o manigghia o maneddu o manusu. Si snoda in una vera e propria storiella che vede appunto come protagonisti un re, una principessa capricciosa, un pennuto ed un bavuso fituso, e si appoggia pure su un abbastanza palese doppio senso. La difficoltà di dirla velocemente senza incepparsi ne fa una sorta di scioglilingua.

Na vota c’era un re, biscottu e mané.
Stu re, biscottu e mané, avia na figghia,
biscottu e manigghia.

Sta figghia, biscottu e manigghia, avia n’aceddu,
biscottu e maneddu.

St’aceddu, biscottu e maneddu,
ci scappau di mani a la figghia, biscottu e manigghia.

Lu re, biscottu e mané, dissi:
“A cu ci trova l’aceddu, biscottu e maneddu,
a me figghia, biscottu e manigghia,
ci a dugnu pi sposa.”

L’aceddu, biscottu e maneddu,
u truvau n bausu fitusu, biscottu e manusu.
“Vatinni bausu fitusu, biscottu e manusu,”
ci dissi lu re, biscottu e mané,
“non t’a dugnu pi sposa a me figghia,
biscottu e manigghia.”

“M’u pigghiu o bausu fitusu, biscottu e manusu,”
ci dissi la figghia, biscottu e manigghia,
“picchì u bausu fitusu, biscottu e manusu,
mi dugna l’aceddu, biscottu e maneddu.”*

*tratto dal libro “Messina: Antropologia, Letteratura, Folklore”

Pizzica pizzica

Questi versi cantilenati accompagnavano un ingenuo gioco infantile ad eliminazione, che consisteva appunto nel pizzicare a turno il dorso delle mani dei partecipanti, poste alternativamente l’una sull’altra, al ritmo della filastrocca.

Pizzica pizzica saracinu,
sutt’o lettu Sant’Antuninu,
c’era un jaddu chi cantava,
chi cantava cucchiricu’,
nesci fora chi non si tu.