Giorno: agosto 19, 2011

La Madunnuzza la ghiotta facìa

La Madunnuzza la ghiotta facìa,
tri pisciceddi ci aviunu rialatu,
agghiu e putrisinu ci aviunu mintutu,
u ciauru chi facia sanava lu malatu.
“Mamma manciamu chi venu lu tata.”
“Figghiu mancia tu chi si cchiù picciriddu,
iò spett’a to patri lu vecchiareddu,
chiddu cu la babbuzza e cu lu bastuneddu.”
E Maria palemmitana
nchianava e scinnia di la funtana.
A funtana c’era un figghiolu
ch’era vistutu d’aggentu e oru,
ci mancava la cammicedda:
“Faccilla tu Mariuzza bedda.”
“Ci la vogghiu roccamari
cu la ugghia i u iritali.”
E la ugghia si rumpiu
i u iritali si piddiu.
“Faffallina bella bianca,
tu chi potti nta sta lampa?”
“Pottu ogghiu binidittu
pi battizzari a Gesù Cristu.”
Gesù Cristu è battizzatu
tuttu u munnu è lluminatu,
è lluminatu di rosi e ciuri
unni s’assetta lu nostru Signuri.
Nostru Signuri è a munti Cabbariu
cu tri ghiova e a cruci a manu,
cu ci gghiava na sputazzata,
cu ci gghiava na timpulata,
sangu russu ci curria,
era figghiu di Maria.
E Maria palemmitana
nchianava e scinnia di la funtana.

Giovanni Alfonso Borelli

Nato a Messina nel 1608, (la sua provenienza di nascita resta tuttora incerta poichè alcuni testi ne danno i natali a Napoli e per le prime notizie sulla sua vita se ne può aver traccia solo dal 1630 in poi), fu un grande scienziato, interessato alle indagini medico-biologiche e alle discipline fisico-matematiche.
In campo astronomico ipotizzò un moto planetario curvilineo animato da due forze, quella centrifuga e quella di attrazione solare, la cui composizione avrebbe permesso l’equilibrio nell’etere. Tale ipotesi rivoluzionaria fu ripresa poi anche dal Newton.
Spiegò per primo che la traiettoria delle comete, non è circolare, ma ellittica e, continuando i tentativi di Galileo sulla misurazione della velocità della luce, eseguì un geniale esperimento, utilizzando un sistema di specchi riflettenti sulla distanza tra Firenze e Pistoia.
L’Università di Messina gli deve molto, poichè oltre ad insegnarvi matematica tra il 1639 e il 1641, seppe reclutarvi altri docenti andandoli a cercare nei maggiori centri italiani (Venezia, Roma, Napoli, Firenze e Genova) su suggerimento dell’allora Senato di Messina, il quale in tal modo intese ringraziarlo per l’attività scientifica svolta.
Successivamente insegnò all’Università di Pisa, prendendo la cattedra che poco prima era stata di Galileo Galilei.
Fu autore di importanti pubblicazioni come:
1) l’opuscolo “Delle cagioni de le febbri maligna”, (Pisa, 1658);
2) “Euclides restitutus, sive prisca geometriae elementa, brevius, & facilius contexta” (Pisa, 1658);
3) “De Renum usu Judicium” (Strasburgo, 1664);
4) “De Vi Percussionis, et Motionibus Naturalibus a Gravitate Pendentibus” (Bologna, 1667);
5) “Meteorologia Aetnea” (Reggio Calabria, 1669);
6) “Theoricae Mediceorum planetarum ex causis physicis deductae” (Bologna, 1670);
7) “De motionibus naturalibus a gravitate pendentibus” (Bologna, 1670).

Fabio Marletta